SALTARA

primavera salt 3

Sede:

Via Matteotti, 1

61030 Saltara

Contatti:

Tel. 3288444258

Email: prolocosaltara@libero.it

 

Presidente: Sabino Pellegrini

 

196-1  Pagina Facebook Pro Loco di Saltara

images Sito Internet Pro Loco di Saltara

Canale Youtube: Pro Loco Saltara

 

Risultati immagini per saltara

Il centro abitato domina dall’alto dei suoi 160 metri, racchiuso dall’imponente cinta muraria scarpata che circonda le strette viuzze e i vecchi casamenti dell’antico ‘castello’. Più in basso si allarga il caratteristico piazzale del ‘borgo’, prossimo alla chiesa parrocchiale e ad altri edifici degni di nota.
Circondata da un paesaggio collinare ricco di viti e di olivi, Saltara dista soli 2.5 km dal percorso dell’antica consolare Flaminia (frazione di Calcinelli, 13.4 km da Fano). Fino dall’epoca medievale la sua storia si è incrociata con quella di Fano (15.5 km), città a cui è rimasta soggetta per tutto il periodo della dominazione malatestiana (secoli XIV e XV) e anche durante il successivo lungo periodo del governo pontificio (secoli XVI-XVIII). Una pittoresca scalinata a più rampe consente al visitatore di raggiungere il lungo portico a galleria dove si svolgevano un tempo quelle fiere-mercato che hanno reso famoso il paese fra gli abitanti della bassa e media valle metaurense. La chiesa parrocchiale di S.Pier Celestino è di origini tardo cinquecentesche, ma rifatta nel sec. XVIII. Più antica l’ex chiesa del SS.Sacramento, sede oggi di mostre e manifestazioni culturali varie e dove è conservato un pregevole affresco quattrocentesco di Maestro Antonio da Pesaro (“Madonna della Misericordia”). Poco fuori dell’abitato è l’elegante chiesa-santuario della Madonna della Villa (fine sec. XVIII) con un pregevole organo d’epoca recentemente restaurato. Ai margini occidentali del territorio comunale sorge invece la monumentale chiesa di S.Francesco in Rovereto (sec. XV) con annesso convento oggi utilizzato per ritiri spirituali e incontri culturali.
Su un ampio terrazzo collinare posto a settentrione sorge la cosiddetta Villa del Balì, vasta residenza di campagna fatta costruire dalla famiglia patrizia fanese dei Negusanti (sec. XVI) e successivamente acquistata dai conti Marcolini che disponevano del titolo ereditario di Balì dell’ordine militare cavalleresco di S.Stefano. L’edificio è oggi sede di un moderno Museo della Scienza con annesso Planetario e ospita strutture recettive per convegni ed esposizioni di prodotti alimentari locali (olio d’oliva, vini, formaggio di fossa).

Risultati immagini per i nostri eventi

San Sebastiano – Gennaio
Corsi nel centro – Febbraio/Marzo
Processione tradizionale del Cristo morto – Venerdì Santo
Ville e castella – Giugno
Saltarua – Luglio
Saltariadi – Agosto
Polentino di S. Martino – Novembre
Falò della venuta – Dicembre
Mercatino – Dicembre